N° 5 | Novembre 2006

 

 

Colori, odori e sapori d'Africa di Catharina Beretta

 

Nella periferia di Antananarivo, capitale del Madagascar, sorge il più grande mercato africano, lo Zoma. E’ tutto un brulicare di bancarelle, raggruppate a seconda della merce esposta, frutta fresca che riempie enormi ceste, casse straripanti di verdura di stagione, sacchi in juta riempiti con carbone naturale, ma anche articoli d’artigianato locale in legno e soprattutto in raffia (è la lavorazione tipica del Madagascar), barattoli colmi di spezie colorate che riempiono l’aria di profumi intensi che si mescolano al vocìo dei venditori. Tutti questi preziosi ingredienti creano i piatti e le pietanze che caratterizzano la cucina malgascia.

 

La cucina malgascia è saporita, ma semplice, caratterizzata prevalentemente da piatti unici costituiti da carne o pesce e verdure, il tutto accompagnato immancabilmente da una ciotola di riso. Tra gli altopiani, infatti, si estendono sconfinate coltivazioni di riso protette da verdi colline e favorite da un terreno ricco di minerali. Il riso locale è di una colorazione rosso scura, ha un gusto intenso caratterizzato da note di nocciola

E’ un riso ricco di vitamine, ideale per anziani, bambini e malati, non viene coltivato con pesticidi o concimi chimici, ma nel pieno rispetto ed in equilibrio con la natura. Il riso non si compra a sacchi nei mercati del Madagascar, ma viene acquistato ogni giorno in una dose pari alla razione giornaliera (più o meno ciò che entra in una tazza di latta!). Non viene consumato solo come pietanza, ma viene anche utilizzato per produrre una tipica bevanda malgascia (più che bevanda sembra piuttosto un brodo bruciacchiato!), chiamata Ranonapagno, ottenuta aggiungendo acqua bollente al riso rimasto attaccato al fondo della pentola.

Abbiamo deciso di preparare e poi proporvi un paio di ricette che, secondo noi, si accompagnano perfettamente all’arrivo dell’autunno: un passato di verdure e spezie, e un piatto unico costituito da carne mista e verdure.

 

ROMAZAVA

(Stufato di carne)

 

Ingredienti

1 cucchiaio di olio vegetale

225 gr. di bistecche di manzo stufate o brasate

2 cipolle

3 spicchi d’aglio

sale e pepe q.b.

acqua fredda

225 gr. di spalla o zampa di maiale

2 petti di pollo

1 pezzo da 5 cm ca. di zenzero fresco

4 grossi pomodori 450 gr. di spinaci freschi

 

facoltativo

2 cucchiaini di Sakay (salsa di peperoncino piccante)

 

Preparazione

Scaldate l’olio in una grossa casseruola, aggiungetevi il manzo tagliato a cubetti e cuocete per 2 minuti da ciascun lato. Quindi aggiungete le cipolle e l’aglio tritati e mescolate per altri 2 minuti.

Ora aggiungete acqua fredda a sufficienza per ricoprire la carne, condite con sale e pepe e portate ad ebollizione.

Quando inizia a bollire, riducete il fuoco, coprite la casseruola e lasciate sobbollire dolcemente per 20 minuti.

Aggiungete, quindi, il maiale, anch’esso tagliato a cubetti, miscelate bene e continuate la cottura per altri 30 minuti aggiungendo altra acqua se necessario. Aggiungete i pezzi di pollo, miscelate bene e continuate a cuocere per 15 minuti, ancora una volta controllando il livello dell’acqua e aggiungendone se necessario. Aggiungete i pomodori, lo zenzero e il Sakay (se lo usate), continuando a cuocere il tutto per altri 10 minuti.

Incorporate, infine, gli spinaci sminuzzati e cuocete, mescolando fino a che le foglie si siano appassite. A questo punto potrete quindi degustare questa deliziosa pietanza malgascia, chiudendo gli occhi ed immaginando di essere lì, in Madagascar...

 

 

 

 

LASOPY

(Zuppa di verdure)

 

Ingredienti

1 lt di brodo fresco di vitello

4 carote

1 rapa

8 cipollotti

175 gr. di fagioli di Spagna

175 gr. di pomodoro fresco sale e pepe nero q.b.

 

Preparazione

Tagliate le carote a rotelle, sbucciate la rapa, tagliatela a cubetti, tagliate a piccoli pezzi anche i cipollotti e i pomodori. Mettete tutti gli ingredienti in una grossa casseruola, coprite con il brodo e portate tutto ad ebollizione; quindi riducete il fuoco, coprite parzialmente la casseruola e lasciate sobbollire per 1 ora.

Una volta raffreddato, trasferite il composto in un frullatore e frullate fino ad ottenere un passato abbastanza denso.

Rimettete la zuppa nella casseruola a fuoco lento, aggiustate di sale e pepe.

Servite il piatto caldo.